Oktoberfest 2010

La mia settima Oktoberfest è ormai alle mie spalle. Il motto di quest’anno era “Caaaaaaaalma!”. Infatti, stanco delle corse quotidiane, ho deciso che almeno in vacanza la tranquillità dovesse regnare. Così, la fida SukkoTours, coadiuvata per quanto riguarda le esigenze logistiche dalla GiustizioTours (una divisione della Bau Viaggi) ha organizzato un pellegrinaggio un po’ più lungo del solito, in occasione del secondo weekend della festa. Unica novità tra i partecipanti: il buon Diego, destinato a portare un po’ di Emilianità nel gruppo.

Il mezzo prescelto è stato ancora il camper, dato che si trova facilmente senza doverlo prenotare mesi prima, e dato che alla fine la vita da campeggio ci piace parecchio. Siamo partiti mercoledì sera, in modo da raggiungere il campeggio giovedì mattina. Chi non è nel giro della Fest potrebbe non sapere che il secondo weekend è l’Italian Weekend, ovvero quello in cui gli italiani invadono selvaggiamente Monaco. Fortunatamente la maggior parte di questi arriva il venerdì, quindi, in questo modo non abbiamo dovuto sudare sette camicie per arrivare in fretta e furia al campeggio, nella paura di non trovare un posto (come successe l’anno scorso…). Quanto al ritorno, la maggior parte degli italiani parte la domenica mattina, con conseguenti Stau (code) in autostrada e alla cassa del campeggio, per cui la nostra idea è stata quella di ritornare il giorno dopo. Queste scelte si sono rivelate vincenti, e i viaggi sono stati tra i più tranquilli che abbiamo mai fatto.

Ovviamente, la parte più difficile e affannosa è quella di trovare un tavolo alla festa vera e propria. Per evitare questo, ci siamo dati da fare per prenotare un tavolo, cosa piuttosto complicata per vari motivi. Innanzitutto, va fatto con largo anticipo: per ovvie ragioni, bisogna muoversi parecchi mesi prima (se non un anno prima, per i capannoni più gettonati, come quello dell’HB!). Inoltre, le prenotazioni vengono accettate solamente a gruppi da 10 persone (quante ne può ospitare un tavolo) e, anche se sono gratuite, bisogna acquistare in anticipo dei voucher per ogni persona, tipicamente almeno due Maß e mezzo pollo. Infine, tanto per rendere il tutto estremamente agevole, le prenotazioni vanno fatte di persona pesso l’apposito ufficio oppure via fax, ma non tutti accettano quest’ultimo metodo. Ovviamente, in questo caso, tutte le comunicazioni sono effettuate in tedesco. Non parliamo poi del metodo di pagamento: praticamente nessuno accetta carte di credito, preferendo una fantomatica EC-Karte. Questa è stata la fase in cui l’ausilio della GiustizioTours è stato cruciale, permettendoci di ottenere un tavolo allo Pschorr-Bräurosl nella giornata di domenica. Sebbene estremamente comoda, la prenotazione ha avuto l’effetto di isolarci un po’, dato che il nostro tavolo era situato nel soppalco, lontano dal “casino” e dalla baldoria – insomma, dalla Gemütlichkeit -, che alla fine sono ciò che rende piacevole e interessante il tutto ;). Siamo comunque rimasti molto soddisfatti, e abbiamo sempre l’anno prossimo per cercare di ottenere un tavolo in una posizione migliore.

L’ultima scelta alternativa (rispetto alla nostra festroutine) è stata quella di organizzare alcuni pranzi e cene in camper, al fine di risparmiare un po’, data la lunghezza extra del viaggio.

Ovviamente, abbiamo documentato l’intero evento con abbondanza di foto, ma purtroppo, al momento di scaricare le foto del viaggio, la mia SD risultava corrotta e senza alcuna foto :(. Fortunatamente, PhotoRec (in Ubuntu è parte del pacchetto di TestDisk) è prontamente giunto in mio soccorso, riuscendo miticamente a recuperare tutte le foto e tutti i video! Per cui, presto i miei tre lettori avranno un nuovo album da sfogliare :).

Nel frattempo, gli immancabili link:

ß

L’Oktoberfestiiiiina col camperiiiiino

Sono reduce da un’Oktoberfest relativamente tranquilla, in cui ho realizzato le seguenti cose:

  • E’ possibile andare e tornare con un camper intero al 100%.
  • Il mio record di 10 litri dell’anno scorso non è facile da eguagliare e/o battere.
  • La famigerata parola che viene dopo Ein Prosit è Gemütlichkeit.
  • L’altra canzone famosa è Viva Colonia (per quanto insensato possa essere), e non Viva, Gloria!
  • Andrò all’Oktoberfest tutti gli anni, finché potrò (Questo, in realtà, l’ho già realizzato due anni fa).
  • Indipendentemente da ciò, è ormai palese come la SukkoTours (coadiuvata, quest’anno, da una GiustizioTours agli esordi) conosca troppo bene la città di Monaco, e quindi vengono un po’ a mancare quel senso di spaesatezza e quel brivido di non sapere bene dove si è e dove andare, che rendono emozionanti i viaggi.
  • Quindi, la SukkoTours ha già deciso che nel Marzo prossimo (periodo tradizionale per l’azienda) organizzerà un viaggio a Berlino.

Maggiori informazioni (e le foto di Monaco) a tempo debito.

PS: Aggiungo un link utile per chi volesse capire cosa sono le canzoni di cui sopra e/o immergersi nell’atmosfera dela festa: cliccate qui.