In the alcohol boy meets man

Uffa, è proprio una congiura. Uno (nella fattispecie il sottoscritto) decide che forse è ora di ridurre un po’ la quantità di alcool assunta settimanalmente, e sembra che il mondo faccia di tutto per impedirglielo. Procediamo con ordine:

- Qualche tempo fa Attilio, nel tentativo di trovare un rimedio alle nostre sfigate vicissitudini col gentil (mica poi tanto gentil alla fin fine…) sesso, lancia l’idea di un weekend alternativo, ad esempio andando a Dublino nei giorni della festa di San Patrizio (17 marzo, ndS). Non è una brutta idea, ora che un qualche lavoro l’abbiamo quasi tutti e quindi godiamo di una vaga indipendenza economica. Io aggiungo che potremmo anche andare da qualche altra parte, come ad esempio a Monaco, dove ricordavo che, più o meno in questo periodo, ci sarebbe dovuta essere una festa della birra simile all’Oktoberfest, ma dedicata alla birra “forte”, e moooolto meno affollata. Anche se non è un grande bevitore di birra, Attilio dice che anche questa è una buona idea, e così veniamo a scoprire che la StarkBierFest si tiene dal 4 al 20 marzo. Un pomeriggio di ricerche sulla Rete ci fa scoprire che, mentre andare a Dublino è piuttosto proibitivo, a causa dei costi dell’aereo, andare a Monaco è mooolto più economico (29 euro per il treno all’andata, altrettanti al ritorno, e gli ostelli partono da meno di 10 euro). Proponiamo così la cosa alla gentaglia che ci circonda e… giovedì sera partiamo per Monaco, dove trascorreremo tutto il weekend, partendo per il ritorno domenica sera. Devo aggiungere altro? Ah sì: il nostro istinto di autoconservazione ci ha fatto capire che non è il caso di andare tutti i giorni alla festa. Infatti andremo anche a visitare le breweries locali…

- Ieri era il SukkoCompleano che, per la prima volta da un po’ a questa parte, ho deciso di celebrare in modo vagamente degno (SMOKE… SMELL THE FLOWERS WHILE YOU CAN): al pomeriggio ho portato una simpatica torta di mele fatta dalla SukkoMamma al Poli, dove l’ho condivisa con colleghi e amici, accompagnandola con dell’OTTIMO Moscato, e alla sera ho portato una torta gigante (che poi non è che sia avanzata eh, anzi…) al 51, dove tutta l’allegra combriccola dei SukkoAmichetti l’ha divorata, bevendo altro Moscato e le solite Gordon’s medie prima e dopo… (Apro una parentesi: grazie a tutti coloro che hanno partecipato ai festini, e a quelli che mi hanno fatto gli auguri, non vi cito tutti perché siete troppissimi, ma ho risposto a ciascuno singolarmente :). Mi spiace tuttavia che qualcuno a cui tenevo si sia dimenticato di farmeli :(. È stata un’ottima idea disabilitare l’avviso del compleanno su ICQ *G*).

- Cosa hanno pensato bene di regalarmi, tra le altre cose, i SukkoAmichetti? Un simpatico kit per fare la birra in casa! Azzecatissimo, non c’è che dire (ho girato un po’ su Internet alla ricerca di trucchi e varietà di malto e la cosa mi intrippa un casino!), ma potrebbe anche essermi (esserci?) fatale… Ne escono 25 litri (ossia più di 80 bottigliette) a botta…

Insomma, la domanda è sempre la stessa: Will I always be here?

Aggiunta: Mi sono dimenticato che presto c’è anche Pasquetta…

5 thoughts on “In the alcohol boy meets man

  1. zukkino guarda che il trapianto di fegato ormai è una pratica consolidata! :)
  2. ehm io non è per sfiducia eh… però ecco… magari le prime sfornate di SukkoBirra le facciamo testare ai suoi amici che gli han regalato l’attrezzo… non si sa mai ;)
  3. ma sei hai detto che me la porterai addirittura qui a Karlsruhe quando verrai a trovarmiiiiiiii
    bugiardooooooooo ^^

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>